Una buona notizia

News

 

15 Luglio 2015

Ogni tanto una buona notizia. Noi tendiamo a non pubblicare studi che dimostrano i danni che causano le droghe. Sono cose risapute e abbondantemente scientificamente dimostrate e che non meritano quindi di essere ribadite.

Ci fa però molto piacere segnalare un recentissimo studio che dimostra la possibile reversibilità del danno cerebrale causato dall'assunzione di cocaina.

Si tratta di uno studio preliminare e assai parziale per le condizioni in cui si è svolto ma si è dimostrato come la disfunzione nella regione della corteccia prefrontale del cervello causato da un eccessivo consumo di cocaina può essere invertito in qualche misura, dopo un periodo di astinenza. Le immagini SPECT hanno mostrato una riperfusione del flusso sanguigno verso le regioni del cervello associate con controllo emotivo, la memoria e altre funzioni esecutive quando gli utenti avevano smesso di usare cocaina per almeno un mese.

Lo studio è stato condotto in Uruguay dal Professor Ferrando dell'Universidad de la Republica di Montevideo che lo ha presentato al recente meeting annuale della Society of Nuclear Medicine and Molecular Imaging (SNMMI) a Baltimora. Come detto sono risultati abbastanza parziali sia per la limitata durata dell'osservazione sia per il tipo di sostanze utilizzate dai consumatori dello studio. In particolare gli assuntori facevano uso di una forma di cocaina conosciuto come pasta base cocaina (CBP), che viene fumato. Gli utenti possono diventare gravemente dipendenti da CBP e commettere crimini e di atti di violenza per sostenere la loro abitudine.

Se questi risultati troveranno conferma sarebbero di ulteriore stimolo per la disintossicazione e il percorso riabilitativo che porti il td a non fare più uso di alcuna sostanza psicoattiva.

C'è da dire che noi sapevamo del possibile recupero anche senza questo studio. Lo vediamo nei ragazzi che si liberano delle sostanze e che, al termine del percorso comunitario, si riappropriano della propria vita finalmente liberi e nel pieno possesso di tutte le facoltà mentali.