Cocaina

Cocaina

 

La cocaina è una sostanza psicoattiva estratta dalla pianta della coca (Erythroxylum coca), pianta originaria del Sud America, principalmente del Perù, della Colombia e della Bolivia, o per sintesi dall’ecgonina.

La cocaina che viene venduta contiene però soltanto una parte di sostanza pura. Per il resto, vi si trovano sostanze che servono ad aumentarne il volume o altre che producono effetti simili: caffeina, glucosio, paracetamolo, bicarbonato, amfetamine, ecc.

 

Effetti

  • La sostanza interferisce profondamente con i normali sistemi cerebrali e sulla dopamina (importante sostanza del cervello) producendo effetti anomali e fortemente pericolosi percepiti come piacevoli e stimolanti dal soggetto.
  • Ha effetti eccitanti e produce un aumento dell'aggressività.
  • Dopo l'assunzione si ha una falsa sensazione di immediata e grande efficienza, di vigilanza e di sicurezza.
  • Gli effetti risultano particolarmente pericolosi alla guida di automezzi a causa dell'effetto che produce, inducendo alla sopravvalutazione delle proprie capacità e vista annebbiata.
  • All'effetto eccitante di breve durata subentra una sensazione di forte depressione e di disagio psichico.

 

Danni

L'uso di cocaina comporta una serie di gravi rischi per la salute: problemi cardiovascolari, come irregolarità nel battito cardiaco ed attacchi di cuore; problemi polmonari con dolori al petto e arresti respiratori; effetti neurologici che producono embolie, convulsioni e mal di testa ; complicazioni gastrointestinali che causano dolori addominali e nausee.

In poco tempo si arriva all'abuso e il consumatore sempre più il desiderio urgente di assumere la sostanza fino al punto di non riuscire più a farne a meno.

Il forte ed immediato bisogno spesso induce a commettere attività illecite per procurarsi il denaro necessario all'acquisto della sostanza.

Nel tempo si può determinare un crescendo di ansietà, con tremori, irritabilità, disturbi del sonno, attacchi di panico, sospettosità eccessiva e idee paranoiche di essere perseguitati o trattati ingiustamente.

 

Possibili effetti collaterali a breve termine:

  • Paranoia, convulsioni
  • Nella fase “down” che segue velocemente all’effetto iniziale: depressione, ansia, prostrazione
  • Può provocare decessi per arresto respiratorio
  • L’uso combinato con alcol e altre sostanze è molto pericoloso

 

Possibili effetti nel medio-lungo periodo:

  • Infarti, ictus
  • Danni alla fertilità
  • Ipertensione, aritmie
  • Broncospasmo
  • Stitichezza, nausea, vomito
  • Malnutrizione e perdita di peso
  • Delirio, ansia, allucinazioni, fobie persecutorie